Quando installare un box doccia su misura?

lunghezza o profondità non a catalogo

Il vano doccia con dimensioni particolari è uno dei casi più tipici in cui sia necessario intervenire con una soluzione personalizzata. In questo caso la cabina doccia non conosce limiti di lunghezza o profondità; è necessario però che la porta (scorrevole, battente, pivot o a soffietto), oltre una certa misura, sia affiancata a una parete fissa in linea.

Metro Relax
altezza fuori standard

Nelle cabine doccia su misura in altezza, la realizzazione non comporta limiti esecutivi.

Se si desidera però una cabina doccia stabile e solida, il nostro consiglio è di mantenersi all’interno dei seguenti parametri a seconda del cristallo utilizzato:

• 4 mm ⇒ altezza massima di 200 cm

• 6 mm ⇒ altezza massima di 220 cm

• 8 mm ⇒ altezza massima di 270 cm

sottotetto spiovente

Nel caso di sottotetti o mansarde, la realizzazione di un box doccia su misura dovrà necessariamente tener conto della particolare conformazione del soffitto spiovente.

sporgenza o muretto

In molti bagni ci si trova frequentemente a dover fronteggiare sporgenze in muratura. I profili dei box doccia, in questo caso, dovranno seguire la forma del muretto o delle sporgenze. Le soluzioni in questi casi sono tipicamente tre: walk-in, nicchia o angolare.

a ridosso di una vasca

Spesso ci si trova a dover installare nel bagno sia la vasca che il box doccia: l’approccio potrà essere di due tipi: realizzare una cabina doccia su misura che si adatti perfettamente alla nostra soluzione, oppure utilizzare modelli specifici.

Relax ha infatti sviluppato dei modelli studiati espressamente per queste situazioni, come ad esempio il modello Luxor 140s.

finestre presenti nel vano doccia

La presenza di una finestra all’interno del vano doccia può essere una scelta progettuale ma anche un imprevisto, che però non ci deve spaventare.

Attraverso degli accorgimenti per il fissaggio, potremo scegliere tra alcune tipologie che potranno adattarsi al nostro caso.

profili speciali di compensazione necessari

I profili di compensazione sono utilissimi in molti casi:

  • il vano è fuori standard e non si vuole realizzare una cabina doccia su misura;
  • in cantiere ci siano stati degli imprevisti e la misura del vano è variata;
  • le pareti non sono ad angolo retto ed è necessario un profilo di fissaggio ad hoc;
  • le sporgenze e i muretti progettati o preesistenti ci costringono a un fissaggio laterale.

In sintesi i profili di compensazione sono una soluzione che ci farà risparmiare tempo e denaro, senza dover ricorrere a costose opere in muratura e preservando l’estetica del box doccia.

situazioni particolari
Relax box doccia ad angolo semicircolare Luxor 140S apertura battente

Nel caso di bagni stretti e lunghi, oppure dove ci sono porte e finestre che non ci permettono di installare box doccia che ci permettano una doccia comoda, Relax ha pensato a dei modelli specifici.
Il modello Luxor 120 S, ad esempio, si fissa a muro anche in situazioni critiche, occupando solo 60 cm, per poi allargarsi progressivamente fino a 80 cm per una doccia comoda anche in ambienti ridotti.
L’apertura interna-esterna a battente completa un modello che si installa in bagni in cui si necessiti una soluzione salvaspazio.
Anche il modello Smart RA-S risolve problemi di installazione in bagni poco profondi: la sua forma asimmetrica occupa solo 70 cm sul lato corto, offrendo poi ben 90 cm in lunghezza, regalando una sensazione di confort. L’angolo arrotondato inoltre contribuisce a regalare al bagno ulteriore spazio prezioso.

limitate capacità motorie

L’ingresso in doccia, per persone con disabilità o anziane, può essere a volte complicato.

Relax dispone a catalogo anche box doccia pensati e didicati per questo tipo di esigenze.

I modelli Light D1 e D2, ad esempio, sono stati studiati e progettati per la doccia assistita: le ante superiori e inferiori si possono aprire in modo indipendente.

L’assistito quindi potrà essere comodamente aiutato dall’esterno con le porte inferiori chiuse, senza quindi che fuoriesca acqua al di fuori del vano.

Altri modelli, come Light AS per esempio, sono stati studiati per essere privi di qualunque barriera architettonica, inferiore e superiore, consentendo un’apertura totale con il minimo ingombro.